Come persuadere in maniera deliziosamente ETICA

Nuova settimana, nuova newsletter persuasiva,

…stavolta anche con un nonsoché di delizioso!

Tra gli addetti ai lavori in America se ne parla da qualche mese, mentre in Italia è appena uscito: il nuovo libro di Robert Cialdini.

Se non sai chi è, beh è ora di aggiornarti un pochino.

Cialdini è un ricercatore molto famoso, probabilmente il più influente al mondo nell’ambito della PERSUASIONE.

Tra l’altro viene anche abbastanza di frequente in Italia per qualche conferenza.

A differenza di tanti marchettari lui però non pubblica un libro ogni due mesi 🙂

Il nuovo “PRE-SUASIONE” è il primo che esce dopo ben 30 anni da quel fenomenale “Influence” che ha plasmato la carriera di chiunque si occupi di marketing, vendita, commercio e formazione a un certo livello.

Ma cos’ha di interessante da dire stavolta il prof di origini italiane?

Beh, il libro innanzitutto è stupefacente per il numero di esperimenti di psicologia e neuroscienze applicate che riporta.

Sulla base di questi, l’autore delinea un nuovo cardine della persuasione, in aggiunta a quelli originali definiti all’epoca.

[pss… è ora di rivelarti un segreto…

…TUTTI – e dico TUTTI PROPRIO- i libri e i corsi che trovi in giro su vendita, marketing, copywriting ecc., in italiano, inglese o qualsiasi altra lingua, si basano sul lavoro originale di Cialdini.

Quindi se ti andasse di scoprire o rispolverare i fondamentali, è una buona idea partire da lì]. 

Non ti voglio comunque rovinare la sorpresa, perché anche il nuovo tomo è sicuramente da leggere.

A ragion maggiore visto che il Copy Persuasivo ti attira così tanto da farti aprire come un drogato le mie email…

Ti posso però parlare dell’idea principale, che non è affatto banale e torna comoda anche a me per spiegare meglio come IO intendo la persuasione.

Cioè come un processo, non un evento.

Hai persuaso qualcuno quando dopo averti visto/sentito/letto questa persona agisce diversamente da come avrebbe fatto altrimenti.
La cattiva notizia è che non esistono trucchetti magici, anche se tecniche ipnotiche e altre strambi esoterismi possono avere la loro validità.Noi pensiamo prima a imparare cosa funziona già normalmente tra esseri umani coscienti nella loro normale quotidianità.

Ti dico di più…
…quello che pratico io e i copywriter che lavorano con me, oltre a quelli da cui ho studiato e che ammiro, è la persuasione etica, a fin di bene, finalizzata a portare le persone ad agire.

Ma non agire per comprarsi il biglietto per l’inferno, tipo… che so.. delle sigarette.

Intendo agire per il LORO migliore interesse e beneficio futuro.

Quando non è così, non si chiama Persuasione, bensì manipolazione.

Il tema tuttavia è vasto, e io ci dedico almeno 12 ore delle mie giornate tra lavoro e studio, quindi non ti aspettare che te lo possa riassumere tutto in questa newsletter.

Sai già quello che devi fare, d’altronde:

Continua a seguirmi.

Così ne avrai una comprensione sempre più profonda e pratica anche tu.


E ora torniamo all’idea principale della “presuasion”:

si tratta in fondo di qualcosa che potremmo chiamare piuttosto seduzione.

Cioè, tutto quello che succede PRIMA.

Tutto ciò che ha a che fare con il preparare il terreno per attrarre la persona e dirigerla verso la scelta da TE preferita.

Un esempio calzante – e delizioso – è quello del MENU ENGINEERING, cioè di come scrivere ad arte il menu di un ristorante, utilizzando l’incrocio tra questo principio e quello strafamoso della social proof.

Cialdini cita infatti studi che riportano una proporzione spaventosa di vendite in più di un determinato piatto quando vicino sul menu si applica un bollino colorato con su scritto ad esempio “il nostro piatto più di successo”.

Una piccola modifica, apparentemente banale, che sposta l’ago della bilancia e smuove milioni di dollari.

Scrivere menù d’altronde è roba da copywriter, non da chef.

Ne ho avuto riprova io stesso andando nella nuova catena che spopola negli Stati uniti, Shake Shack – una specie di McDonald colorato di verde con cibo più sano e “socialmente responsabile”

Ma questo e altri spunti ancora più interessanti li ho trovati anche in tanti classici e deliziosi ristoranti – non solo fast food con catena di montaggio – che con piacere ho dovuto provare nella mia settimana newyorkese.

E proprio di queste e altre tecniche  parlerò nella 2 giorni di Marketing per Ristoratori che funziona davvero questa prossima settimana a Venezia.

Se quello della ristorazione NON è il tuo settore, trovi tutto quello che c’è da sapere e che funzionerà per te – oltre alla mia assistenza e coaching personale – nel Corso SfornaClienti, che puoi prendere invece comodamente online, senza pagare migliaia di euro e senza dover venire in aula.

Sbrigati finché è ancora a questo prezzo ridicolo…

P.S.

Per restare in tema, lascia che ti faccia una domanda…

…ti è mai successo che un potenziale cliente
– che non ti ha mai visto e che ti incontra per la prima volta –
dopo solo 10 minuti che parlate si gira verso il computer e…
…ti fa un bonifico?

Non capita spesso, lo so bene, e sicuramente neanche a me capitava quando ero un semplice venditore valigetta-in-mano-e-cammina che chiedeva un briciolo di attenzione a perfetti sconosciuti…

Di questa cosa simpatica accadutami in settimana ne ho parlato in un video riservato ai membri dello SfornaClienti Club.
Se ancora non ci sei, clicca qui per richiedere l’accesso (gratis)

Buona vita!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 − 2 =