Marketing Online VS Marketing Offline: Questo articolo ti toglierà una volta per tutte i paraocchi

Ehilà

felice di scriverti questa settimana dalla mia città natale (Gaeta)

dove sono tornato per qualche giorno – dopo diversi eventi in giro per l’Italia e l’Europa – per seguire la buona attività di famiglia.

A proposito di eventi, c’è una riflessione che voglio condividere con te…

Negli ultimi 4-5 anni anni è successa una cosa strana a molti miei colleghi che lavorano prevalentemente online, e anche a tanti imprenditori che hanno iniziato a promuoversi su internet.

E’ come se avessero i paraocchi.

andrea lisi copywriter esperto marketing online e offline
Quando si tratta di valutare il marketing offline sono in molti ad avere i paraocchi

Tutti parlano di lead generation, marketing, acquisizione clienti e…

…tutti danno per scontato che bisogna agire solo ed esclusivamente online.

Non vedono che, quando si tratta di attirare e coinvolgere persone, chiudere contratti e creare esperienze uniche e intense, là fuori c’è un mondo di opportunità.

Si sono abituati a pensare che è troppo faticoso e troppo costoso, e mettono quindi tutte le uova in un solo paniere:

il web.

Sarà che in giro si parla tanto del potere dei social, dei video, ecc.

e quindi tanti si illudono che il “nuovo” marketing sia tutto lì, dietro uno schermo.

Non lo nego, i motivi per spingere tanto il marketing online ci sono e diventano sempre più ovvii per tanta gente:

– Velocità istantanea

– Impatto potenziale su migliaia o milioni di persone

– Costi ridicoli se confrontati coi mezzi tradizionali.

 

Ma ti dirò…

…ho avuto personalmente occasione di toccare con mano varie volte quanto i “mezzi tradizionali” – se usati con ingegno – possano rendere.

E sì, rendono ancora molto, molto di più rispetto alle diavolerie moderne.

EVENTI & mezzi di comunicazione di una volta, ovvero il Marketing Offline

Ti parlo di quei canali che i vecchi saggi del marketing diretto come Dan Kennedy, Jay Abraham & co. insegnano da sempre a sfruttare.

Per elencarne giusto alcuni:

– lettere cartacee

– spot in tv

– spot in radio

– fiere

E poi appunto gli eventi.

C’è un fatto palese: il tasso di coinvolgimento dei tuoi potenziali clienti in eventi dal vivo e di persona è ancora straordinariamente superiore a formule più recenti come i webinar, facebook live ecc.

Ma dire semplicemente “eventi” è come

parlare di tutto e di niente.

La domanda giusta da porti è:

Qual è il tipo di evento che fa al caso mio (della mia azienda)?

Come ha ben descritto la mia cliente e studentessa Marina Marengo diDouble EM, agenzia specializzata proprio nell’organizzazione di congressi, convegni, seminari e meeting,

ci sono almeno 4 modi diversi per utilizzare gli eventi a fini di Marketing.

Come ti conviene muoverti dunque?

La mia modesta ma accurata opinione è che bisogna iniziare dal creareeventi di lead generation.

Se ci hai fatto caso, questo è proprio il tipo di eventi che in Italia sono stati diffusi prima da gente come Roberto Re (sul modello americano di Tony Robbins) e che ora vengono usati un po’ da tutti i “grandi formatori” che provano a venderti weekend da nientepopodimenoche 4-5mila euri.

E sai perché?

Perché funzionano.

Se vuoi prendere una scorciatoia per adattare sul serio questo modello alla tua attività, ti consiglio di leggere anche i 6 segreti contenuti in quest’articolo.

Inoltre, ho chiesto a Marina – che di queste cose se ne occupa da 30 anni – di metterti a disposizione gratuitamente (per ora) anche una Guida pratica per evitare gli errori che capitano più spesso nell’organizzazione di eventi aziendali.

Di cos’altro puoi aver bisogno?

Per esperienza, ti confesso che mettere su una serie di eventi di presentazione in giro per l’Italia non è affatto semplice.

Era il lontano 2007 quando organizzai il primo tour con la mia vecchia band di musica metal e ricordo ancora tutto lo stress che questo tipo di impegni comporta.

Concentri lo sforzo in pochissimi giorni, tiri fuori un po’ di soldi, fai il possibile per assicurarti che ci sia gente

(possibilmente la gente giusta, non solo parenti e amici)

e ti fai in 4 perché tutto vada per il meglio.

Ma la triste verità è che se fai tutto da te spesso e volentieri finisci per esaurirti.

Anzi peggio… rischi seriamente di scontentare chi ha pagato

o comunque ha investito del tempo e della benzina per venirti a vedere.

Ecco perché ti consiglio di sentire prima un(a) professionista prima di imbarcarti nell’organizzazione anche solo di un seminario di presentazione

Se lo hai già fatto, sai di cosa parlo: non è affatto semplice.

Se va bene, potrai appoggiarti a un team di esperti e di hostess che renderanno la tua una giornata speciale e ultra-professionale, colpendo l’immaginazione dei partecipanti e lasciando in loro una prima impressione duratura.

Ma il beneficio nascosto che ho scoperto dopo aver incontrato centinaia di persone e averne discusso coi miei studenti e clienti, è che finalmente soddisferai il desiderio profondo di tanti tuoi lead.

Queste persone – specialmente se sono italiane – magari ti seguono da un po’ sui social o per email.

Qualcuno di loro magari ha già comprato qualche tuo piccolo prodotto digitale, ma più o meno consciamente, non si fida.

Finché non ti sente parlare dal vivo e non “ti testa” guardandoti in faccia, meglio se da vicino, non se la sente di comprare i tuoi prodotti o servizi a più alto prezzo.

Quindi pensaci… ti conviene davvero chiedere la consulenza di un’esperta nell’organizzazione e realizzare il TUO evento.

Un evento in cui i protagonisti sarete TU e la TUA azienda, a differenza delle varie fiere o delle truffe all’italiana in cui paghi qualche associazione di categoria per un piccolo spazio in mezzo ai tuoi concorrenti.

Ti consiglio perciò di scaricare le risorse che Marina ti ha messo a disposizione e poi magari anche di telefonarle e chiedere il suo parere.

Anche se va male e alla consulenza non segue una collaborazione per il tuo evento, almeno avrai capito come utilizzare al meglio il tuo budget e sfruttare per bene i tuoi punti di forza.

Io intanto ti auguro buona settimana e buon business

Alla prossima!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette − 7 =